Torna a tutti gli articoli
Blog Img

Calcolo Tfr, cos'è e come si fa

Il Tfr, detto anche liquidazione, è una parte dello stipendio che viene pagata al termine del rapporto di lavoro. Ecco quello che c'è da sapere su come funziona e come calcolarlo in modo corretto

​​Cos'è il Tfr o liquidazione?

La sigla Tfr sta per Trattamento di Fine Rapporto, è detto anche liquidazione ed è una componente dello stipendio che viene riconosciuta dalle aziende ai lavoratori dipendenti in modo differito, quando termina il rapporto di lavoro.

Si matura sulla base della retribuzione annua e di una rivalutazione annuale calcolata sull’inflazione. È regolato dall’articolo 2120 del Codice civile e deriva da un’indennità introdotta fin dal 1927 nell’ordinamento italiano che si chiamava indennità di licenziamento e poi indennità di anzianità. Il Tfr è poi stato ufficialmente inserito nel 1982 con la legge n. 297.

Nel 2005, col decreto legislativo n. 252, è stata riformato il funzionamento della previdenza complementare destinando il Tfr ai fondi pensione complementari.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Come viene pagato il Tfr?

Il Tfr viene pagato al lavoratore automaticamente alla fine del rapporto di lavoro, qualunque sia la causa che ha portato all’interruzione del contratto. Se l’azienda è fallita e non riesce a pagare il Tfr si può fare richiesta al fondo garanzia specifico dell’Inps.

I lavoratori possono anche chiedere un anticipo del Tfr pur continuando il rapporto di lavoro, a patto però che siano rispettate alcune condizioni:

  • che il lavoratore abbia maturato almeno 8 anni di servizio presso l’azienda cui chiede l’anticipo;

  • che la quota di Tfr richiesta in anticipo sia al massimo del 70% rispetto al Tfr maturato fino a quel momento;

  • l’azienda può riconoscere annualmente l’anticipo del Tfr a un massimo del 10% dei lavoratori che ne hanno titolo e comunque fino al 4% del numero dei dipendenti;

  • il lavoratore non deve avere già chiesto l’anticipo prima, perché è una facoltà concessa una sola volta nel corso del rapporto di lavoro.

I motivi riconosciuti dal Codice civile per richiedere l’anticipo sono:

  • spese sanitarie per cure o interventi straordinari riconosciuti dalla sanità pubblica;

  • acquisto della prima casa per sé o per i propri figli.

La giurisprudenza ha poi allargato ad altri aspetti la possibilità di anticipo (acquisto del terreno su cui costruire la prima casa, ristrutturazione di una casa da abitare ecc.).

I contratti collettivi possono contenere norme di maggior favore per quanto riguarda il Tfr, per esempio estendendo ad altre tipologie di spese la possibilità di anticipo. C’è poi sempre la possibilità di accordi individuali azienda-lavoratore con condizioni diverse rispetto a quanto previsto dal Codice civile.

Come si fa il conteggio del Tfr?

Il Codice civile spiega che “in ogni caso di cessazione del rapporto di lavoro subordinato, il prestatore di lavoro ha diritto a un trattamento di fine rapporto”. La norma esclude quindi esplicitamente dalla misura i lavoratori autonomi, e spiega nel dettaglio come dev’essere calcolato il Tfr pagato dal datore di lavoro.

In particolare, il Tfr “si calcola sommando per ciascun anno di servizio una quota pari e comunque non superiore all'importo della retribuzione dovuta per l’anno stesso divisa per 13,5”. I mesi vengono considerati interi per periodi di lavoro uguali o superiori a 15 giorni.

Per evitare però che il Tfr si svaluti col passare del tempo, a questa quota annuale stabilita sulla base del reddito di riferimento si aggiunge una quota aggiuntiva legata all’andamento dell’inflazione. Il Codice civile spiega infatti che la quota annuale del Tfr è aumentato:

al 31 dicembre di ogni anno, con l’applicazione di un tasso costituito dall'1,5 per cento in misura fissa e dal 75 per cento dell'aumento dell'indice dei prezzi al consumo per le famiglie  di operai ed impiegati, accertato dall'Istat, rispetto al mese di dicembre dell’anno precedente”.

In pratica quindi la quota annuale di Tfr viene aumentata dell’1,5 per cento ogni anno, cui si aggiunge un altro aumento pari ai tre quarti dell’inflazione accertata dall’Istat per l’anno di riferimento.

Questo significa che per il calcolo del Tfr non basta ricavare la quota annuale sulla base del proprio stipendio e moltiplicarla per gli anni di servizio, cioè la propria anzianità, perché a questa quota fissa dev’essere aggiunta una quota che cambia ogni anno, sulla base dei calcoli dell’Istat.

Ovviamente, trattandosi di anticipo, la quota di Tfr versata subito al lavoratore viene detratta dalla somma finale che spetterà allo stesso lavoratore alla fine del rapporto di lavoro.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità


Come si calcola il Tfr maturato: esempio

Prendiamo l’esempio di un lavoratore dipendente con un reddito medio di 21.060 euro annuali, che è la media dichiarata dai lavoratori dipendenti rilevata dal MEF per l’anno 2019.

Il Tfr annuale si ottiene come detto dividendo per 13,5 il reddito di 21.060, quindi:

21.060 : 13,5 =  1.560 euro

A questo valore si sottrae lo 0,5% della retribuzione, che serve ad alimentare il fondo di garanzia dell’Inps, quindi:

1.560 - 105,3 = 1.454,7 euro

Il Tfr maturato nel corso del primo anno di lavoro, a patto che questo vada dal 1° gennaio al 31 dicembre, sarà dunque di 1.454,7 euro.

A questa voce poi va sommata la rivalutazione in base all’indice Istat, che va calcolata sull’anno precedente e come detto prevede:

  • una parte fissa dell’1,5%;

  • una parte variabile pari al 75%, cioè i tre quarti, dell’aumento dei prezzi calcolato dall’Istat.

Quindi nel nostro caso per il secondo anno di lavoro (considerando il nostro lavoratore assunto nel 2018, col 2019 come secondo anno) si dovrà calcolare:

l’1,5% di 1.454,7 = 21,82 euro

il 75% di 0,5%, cioè l’aumento dei prezzi del 2019 secondo l’Istat = 0,375%

lo 0,375% di 1.454,7 = 5,46 euro

21,82 + 5,46 = 27,28 euro, meno il 17% di imposta sulla rivalutazione = 22,64 euro

Quindi: 1.454,7 + 22,64 = 1.477,34 euro

Il Tfr accantonato per i primi due anni dal nostro lavoratore sarà dunque di 1.454,7 + 1.477,3 = 2.932 euro

Attenzione però: questo è il cosiddetto Tfr lordo, cui bisogna poi sottrarre le tasse applicate, che porteranno alla definizione precisa del Tfr netto, cioè quanto concretamente spetterà al lavoratore.