Torna a tutti gli articoli
Blog Img

PMO: cosa fa e come trovare lavoro come project manager

Figura centrale all’interno delle aziende per rispettare le strategie di business, il project manager consente di raggiungere i risultati prefissati. Vediamo cosa c’è da sapere su questa figura e sul PMO



Il funzionamento delle aziende si basa sul raggiungimento degli obiettivi. Ma sia nelle grandi che nelle piccole imprese non basta più avere le competenze tecniche e logistiche necessarie per produrre o vendere, ma è fondamentale rispettare gli obiettivi strategici aziendali ed essere in grado di rispettare tempi e modalità nella relazione col cliente.

La gestione dei progetti è il ruolo del Project Management Office (Pmo), o Program Management Office, un’entità sempre più diffusa non solo nelle grandi realtà più strutturate, ma anche nelle piccole e medie imprese.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Cos’è un PMO?

Il Project Management Office è l’ufficio per la gestione dei progetti aziendali. In altre parole, quel dipartimento che all’interno dell’azienda si occupa di definire, mantenere e garantire degli standard per il raggiungimento degli obiettivi.

Il compito del PMO, secondo i principi di ingegneria gestionale ed economia aziendale, è dunque quello di stabilire buone pratiche da implementare nell’attività dell’impresa, supervisionando:

  • l’uso corretto delle risorse;

  • il rispetto dei tempi prefissati;

  • la qualità del servizio fornito;

  • il rapporto col cliente finale.


Secondo uno studio del 2016 di Eric John Darling e Jonathan Witty, dell’University of Southern Queensland, non esiste però una sola tipologia di PMO, perché il ruolo del PMO cambia tanto quanto sono diverse le organizzazioni che le ospitano. I PMO possono essere di diversi tipi.

Contemporaneamente, le attività che vengono svolte all’interno del PMO sono anche cambiate nel corso del tempo. Quello che non è cambiato è ciò che il PMO deve garantire:

il raggiungimento degli obiettivi nei tempi e nei modi fissati dalle strategie aziendali.

Chi è cosa fa il project manager?

A supervisionare e garantire il buon esito di un progetto sta il project manager, il responsabile di progetto, che gestisce tutte le sue fasi:

  • l’ideazione;

  • la pianificazione;

  • l’esecuzione;

  • il monitoraggio;

  • il reporting finale.


Esistono anche norme piuttosto recenti che contribuiscono a definire le linee guida, le competenze richieste e i compiti del project manager: è la norma UNI 11648 e la norma internazionale ISO 21500.

Il project manager deve essere dunque un professionista con hard skills ben definite e competenze tecniche precise, ma deve anche possedere soft skills altrettanto ricercate, come la capacità di gestire un team, problem solving e buone capacità di comunicazione per riuscire a confrontarsi con le diverse figure e gli uffici coinvolti nella realizzazione del progetto di cui è responsabile.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Quali sono i compiti di un PMO?

Alla luce di quanto abbiamo visto, la lista dei compiti fondamentali della maggior parte dei PMO può essere:

  1. Organizzazione dei progetti e delle risorse: il PMO mantiene una visione generale dei processi aziendali, confrontandosi e raccogliendo dati e analisi da diversi settori dell’impresa;

  2. Aiutare a definire le strategie aziendali: il PMO ha anche il compito di stabilire una gerarchia tra i diversi compiti, consentendo così di ridurre gli sprechi e ottimizzare le risorse;

  3. Incrementare l’efficienza: non disperdere le forze consente anche di aumentare l’efficienza del sistema;

  4. Stabilire standard di processo: grazie all’attività di coordinamento e supervisione del PMO, possono essere stabiliti degli standard di qualità che si possono adattare a tutti i comparti aziendali, uniformando il più possibile l’analisi dei risultati, la gestione delle risorse e la reportistica finale sugli obiettivi raggiunti.