Torna a tutti gli articoli
Blog Img

Come preparare una cover letter efficace

Non c’è solo il curriculum vitae tra i documenti necessari per la ricerca di un nuovo impiego. Per dare una svolta alla tua carriera professionale nel rispondere a un annuncio di lavoro ci sono infatti anche il resumé, o riassunto, e la cover letter, cioè la lettera di presentazione. Ecco tutto quello che bisogna sapere per scriverla e avere più chance di essere assunti

La cover letter ha il compito di mettere in evidenza la personalità del candidato oltre alle sue competenze, spiegando in poche righe perché l’azienda debba assumere proprio lui. La lettera di presentazione può giocare dunque un ruolo fondamentale per attirare l’attenzione del responsabile delle risorse umane incaricato della selezione del personale, contribuendo a distinguerti da tutti gli altri candidati.


Che cosa è la cover letter?

La cover letter è la lettera di presentazione. Si tratta di uno strumento che serve al candidato per presentarsi all’azienda con cui vorrebbe lavorare, accompagnando il curriculum vitae. Serve a spiegare brevemente le proprie competenze e i motivi che spingono a rispondere all’annuncio.

A differenza del curriculum, che è scritto in maniera schematica, la cover letter è un documento di tipo discorsivo, che si rivolge direttamente alla persona che deve valutare i candidati in tono cordiale. Ed è diversa anche dal resumé, che con poche righe serve invece a spiegare molto brevemente le competenze già contenute nel curriculum, appunto riassumendolo.

La lettera di presentazione può prendere la forma di un documento vero e proprio, dunque autonomo, ma spesso può essere semplicemente il corpo della mail con cui si invia il curriculum all’azienda. O, ancora, essere di fatto sostituita col breve testo che si può inserire sul sito dell’azienda quando la raccolta delle candidature viene gestita con un format apposito standardizzato.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità


Quanto è importante la cover letter?

La lettera di presentazione viene detta anche di accompagnamento perché ha il compito di accompagnare il curriculum, introducendo il candidato in maniera più elegante ed efficace all’attenzione del reclutatore. Ha dunque il compito fondamentale di convincere chi legge ad aprire e valutare con più accortezza il Cv.

Cosa mettere sulla cover letter?

Nella lettera di presentazione bisogna sempre indicare il mittente, il destinatario preciso della cover letter, la data della lettera, l’oggetto (cioè ricordare l’annuncio cui si risponde o se si tratta di un’autocandidatura) e poi le proprie competenze e le ragioni che ci spingono a candidarci.

Tutti questi elementi sono importanti per non dare l’impressione che usiamo un testo standard per rispondere a tutti gli annunci di lavoro che incontriamo, ma che dedichiamo tempo e attenzione all’azienda cui ci stiamo rivolgendo.

Per questo prima di scrivere la propria cover letter bisogna studiare attentamente sia l’azienda che l’annuncio di lavoro. Per l’impresa può essere utile navigare il sito Internet, dove probabilmente verrà spiegata a grandi linee la filosofia aziendale, i campi di azione, gli ultimi progetti lanciati e i principali mercati cui si rivolge.

Per quanto riguarda l’annuncio di lavoro bisogna inoltre capire esattamente a quale figura è rivolto, quali competenze si cercano, con quali esperienze, per mettere in evidenza nel testo le caratteristiche ricercate e avere più chances di ottenere un colloquio di lavoro.

Cosa molto importante poi è fare ricerche sul destinatario più adatto a ricevere la nostra candidatura. Se non è esplicitato nell’annuncio, può bastare fare una telefonata in azienda chiedendo del responsabile delle risorse umane o della persona incaricata della selezione dei curriculum, ottenendo così l’indirizzo mail specifico. Così facendo, sarà più difficile che il nostro sudato curriculum venga cestinato perché inviato alla mail generica aziendale, tipo info@società.com, cui probabilmente arrivano anche tonnellate di spam.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Come si scrive una lettera di presentazione?

Un articolo della Harvard Business Review elenca le regole d’oro per scrivere una perfetta lettera di presentazione:

  1. prima di inviarla, fai le tue ricerche: come abbiamo già visto bisogna studiare l’azienda e cercare la persona più adatta a ricevere la nostra lettera, per evitare di gettare al vento tutte le possibilità di essere scelti;

  2. concentrati sul futuro: mentre il curriculum e anche il resumé elencano le tue competenze e quello che hai fatto finora, la lettera di presentazione deve dare un’idea di cosa potresti fare in futuro. Spiega le tue aspirazioni e focalizzati su come potresti aiutare lo sviluppo dell’azienda;

  3. parti forte: non accontentarti di un incipit formale o burocratico. Partenze come “Scrivo in relazione all’annuncio n. 0123” potrebbero ottenere l’effetto contrario a quello voluto. Meglio accendere subito l’attenzione di chi legge iniziando con il tuo punto di forza: “Sono un ingegnere ambientale con 15 anni di esperienza nel campo”, oppure “Sono un operaio specializzato nell’uso di macchine a controllo numerico e…”;

  4. concentrati sulle tue caratteristiche personali: nella cover letter non bisogna riscrivere il curriculum. Concentrati sui tuoi punti di forza, sulle esperienze che hai fatto e sulle tue caratteristiche personali per fare breccia e convincere il tuo destinatario che non c’è miglior persona di te per quel posto di lavoro;

  5. suscita entusiasmo: devi essere il primo a credere in te, l’entusiasmo per il lavoro deve emergere dalla tua lettera;

  6. ma mantieni un tono: anche se sei alla ricerca di un lavoro da mesi, la tua difficoltà non deve emergere dalla lettera. Meglio mantenere un tono formale, ma non burocratico, senza lasciarsi andare ad adulazioni eccessive (“Ho sempre ammirato la vostra azienda e desidero lavorare con voi con tutto me stesso”), ma nemmeno lasciando trasparire la disperazione o le difficoltà che stai vivendo;

  7. non scrivere troppo: una paginetta, ma anche meno. La lettera di presentazione non dev’essere troppo lunga, altrimenti potrebbe scoraggiare la lettura ancora prima che chi legge affronti il tuo curriculum;

  8. chiedi un parere: può essere una buona idea far leggere a qualche amico la cover letter, per chiedere a una persona terza se è chiaro cosa hai voluto dire e se ci sono problemi nella comprensione del testo