Torna a tutti gli articoli
Blog Img

Test Amazon colloquio: tutto quello che c'è da sapere

Azienda stabilmente in testa per ricavi nelle classifiche mondiali, Amazon è anche una delle società più desiderate da chi cerca un posto di lavoro. Il suo processo di selezione però è abbastanza complesso: ecco tutto quello che c’è da sapere per avere più speranze di essere assunti



Un colosso mondiale, presente in Italia dal 2010

Amazon è tra le aziende più grandi del mondo, al terzo posto secondo la classifica Global 500 del 2021 stilata da Fortune, con oltre 280 miliardi di dollari di ricavi. Un vero colosso, con circa 40 sedi anche in Italia, dove è presente fin dal 2010, con oltre 10.000 dipendenti e investimenti dal suo arrivo per 5,8 miliardi.

Solo nel 2020 l’azienda ha inaugurato due nuovi centri di distribuzione in provincia di Rovigo e di Roma. Mentre nel 2021 sono entrati o stanno entrando in attività i centri di Novara e Cividate al Piano (BG), oltre al centro di smistamento di Spilamberto (MO), con l’obiettivo dichiarato di creare oltre 2.000 posti di lavoro nell’arco di tre anni.

Amazon ha il suo headquarter italiano a Milano, due centri di sviluppo a Torino e Asti, il servizio clienti di Cagliari e centri di distribuzione a Torrazza Piemonte (TO), Passo Correse (RI), Castel San Giovanni (PC) e Vercelli, più vari depositi di smistamento sparsi un po’ in tutto il nostro Paese.

Con tutta questa attività, fioccano anche le ricerche di personale e gli annunci di lavoro. Il processo di selezione di Amazon è però piuttosto complesso e strutturato su più fasi che è bene conoscere per poter aumentare le possibilità di essere scelti.

Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Amazon: che cos’è?

Prima di capire come funzionano i colloqui di lavoro in Amazon, è bene conoscere cosa è. Amazon è una società di commercio elettronico fondata nel 1994 da Jeff Bezos con sede a Seattle, Stati Uniti. Ha iniziato la sua attività dal commercio di libri online, ma ha poi allargato  gli articoli venduti a una miriade di altri prodotti.

Pur essendo celebre per il portale di acquisti online che tutti conoscono, Amazon possiede anche Alexa Internet, Internet Movie Database, Twitch.tv e ComiXology. Ha anche società controllate come:

  • Amazon Game Studio, specializzata nello sviluppo di videogame e non solo;

  • Amazon Web Service, che fornisce servizi di cloud computing;

  • Amazon Prime, che con Prime Video è una delle società più importanti al mondo di streaming di serie Tv e film.


Una varietà impressionante di attività e settori, che di conseguenza si tramutano anche in un’abbondanza di offerte di lavoro diverse, che vanno dalla logistica e dai trasporti all’informatica avanzata.



Come funzionano i colloqui Amazon?

È la stessa società a spiegare su un sito apposito come funziona il suo processo di selezione. I tre punti chiavi da tenere sempre a mente sono:

  1. I principi di leadership (leadership principles);

  2. le domande basate sul comportamento (behavorial-based questions);

  3. il metodo STAR (STAR method).

A seconda delle posizioni, il processo di selezione funziona in modo diverso. Per la maggior parte dei posti, Amazon inizia con un colloquio telefonico. Se questo va a buon fine il candidato viene poi invitato a un colloquio in una delle sedi italiane del gruppo con il responsabile della posizione e alcuni membri del team.

Tutto inizia dalla candidatura online sul portale apposito di Amazon, dove vengono costantemente aggiornate le posizioni aperte nel nostro Paese. Per partire, bisogna ovviamente avere un curriculum vitae, che dev’essere aggiornato, redatto in modo semplice e immediatamente comprensibile.

La ricerca della posizione può avvenire per sede, categorie aziendali, categorie di lavoro o parole chiave.

Nel corso del colloquio in presenza i selezionatori potrebbero chiedere di esprimersi in forma scritta, perché è questo il metodo privilegiato di comunicazione interna, non slide o presentazioni di PowerPoint. Esistono poi quiz particolari che sono previsti per i colloqui per le posizioni più tecniche: vengono comunque annunciati al candidato con un po’ di anticipo.

La giornata del colloquio in sede (anche se questa forma è ora prevista in misura minore causa Covid) può essere lunga: ci sono più interviste da sostenere con diversi membri del team, ognuno dei quali dà il proprio giudizio e concorre a formare il giudizio finale sul candidato. Può essere previsto anche un pranzo informale con alcuni membri del team, che comunque è parte integrante del colloquio stesso: non bisogna “rilassarsi” troppo, insomma.

Spesso viene consigliato un abbigliamento informale.


I principi di leadership

Ecco dunque le regole base dell’attività di Amazon che ispirano anche gli incaricati della selezione del personale, così come li spiega Amazon stessa:

  1. Passione per il cliente":il punto nevralgico di Amazon è il cliente, i leader in Amazon partono da lui e procedono a ritroso. Chi lavora per l'azienda deve operare con entusiasmo cercando di conquistare e mantenere la fiducia del consumatore grazie a strategie, azioni e progetti che gli offrano un servizio migliore, più efficiente, più utile per le sue necessità;

  2. "Responsabilità":i leader agiscono come proprietari dell'azienda. Pensano a lungo termine e non sacrificano mai il futuro dell'azienda per risultati a breve termine. Agiscono quindi per l'intera azienda e non solo per il proprio team, non dicono mai che una questione non è di loro interesse;

  3. "Inventare e semplificare": i leader cercano innovazione e inventiva nel proprio team e trovano sempre un modo per semplificare le cose. Hanno lo sguardo attento anche all'esterno dell'azienda per cui lavorano e cercano idee ovunque, senza preoccuparsi che queste non siano state lanciate in Amazon. In Amazon non ci si preoccupa troppo del fatto di non essere compresi all'inizio, quando si fanno cose nuove;

  4. "Avere spesso ragione": i veri leader hanno spesso ragione, sanno leggere le situazioni che gli si presentano ogni giorno e riescono a intuire cosa può succedere. Accettano però il punto di vista degli altri e sanno anche cambiare le proprie idee;

  5. "Imparare ed essere curiosi": per i veri leader lo studio e l'apprendimento non finiscono mai. La curiosità per nuove soluzioni non deve mancare mai;

  6. "Assumere e far crescere i migliori": i leader sono guida e tutori di nuovi leader. Cercando e selezionando i nuovi talenti da assumere o da promuovere, i leader hanno anche il compito di riconoscere i migliori e farli crescere all'interno dell'azienda;

  7. "Insistere sugli standard più elevati": i leader hanno sempre obiettivi elevati, e questo spesso non viene capito dagli altri membri del team, che potrebbero giudicarli irrealizzabili. Ma chi lavora per Amazon punta ad alzare il livello delle prestazioni e sa guidare il proprio team a trovare soluzioni sempre più avveniristiche, individuando alla radice eventuali difetti per risolverli definitivamente;

  8. "Pensare in grande": se pensi in piccolo, agirai in piccolo. Per questo in Amazon si punta sempre alto, scegliendo traiettorie coraggiose che riescano a ispirare il raggiungimento dei risultati. I leader pensano in modo innovativo e originale per trovare soluzioni sempre nuove per il cliente;

  9. "Propensione all'azione": poiché la velocità negli affari è importante, i veri leader sanno prendersi la responsabilità dell'azione. Ci sono rischi calcolati che si possono prendere senza pensarci troppo, perché molte decisioni non hanno bisogno di studi approfonditi e possono essere reversibili;

  10. "Frugalità": lavorare con meno risorse, oltre a consentire risparmi, stimola la creatività. Il merito non arriva dall'aumento del budget, dei bilanci o le spese fisse;

  11. "Conquistare la fiducia": i veri leader sanno confrontarsi con gli altri, capirne le idee e, anche se è difficile, sanno cambiare le proprie. Perché sanno ascoltare gli altri e parlare loro con sincerità e rispetto. Il metro di paragone restano però sempre i migliori, sia all'interno del proprio team che all'esterno;

  12. "Andare in profondità": non ci sono compiti troppo umili per i veri leader. Chi lavora in Amazon deve essere attento ai dettagli, occupandosi di tutti i livelli di un processo, controllando spesso tutti i particolari e intervenendo tempestivamente quando dati e numeri (importantissimi in Amazon) non combaciano;

  13. "Avere carattere, dissentire e aderire alle decisioni": in Amazon non si cercano "yes men". Quando una decisione non è condivisa, bisogna metterla in discussione, pur con rispetto, anche quando questo è complicato o difficile. Non si aderisce a una traiettoria che si giudica sbagliata solo per salvaguardare il clima aziendale. Una volta che una decisione è presa, però, i leader la sposano completamente e operano per raggiungere il risultato;

  14. "Conseguire risultati": i leader non si accontentano mai, sono sempre concentrati sul raggiungimento dei risultati e sul miglioramento continuo dei tasselli che costituiscono il loro business. Non importa quanto siano complicate le situazioni: con tempestività e qualità si dimostrano sempre all'altezza.


Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità


Le domande basate sul comportamento

Il colloquio di lavoro in Amazon si basa su domande comportamentali, che affrontano sfide o problemi che il candidato ha affrontato in passato, con una discussione guidata dai “Principi di leadership” che abbiamo già visto. Non si tratta dunque di domande “da quiz” o “domande-rompicapo” che puntano a mettere in difficoltà le persone, ma piuttosto un racconto di come vengono gestite le difficoltà incontrate nella propria carriera professionale.

Ecco qualche esempio delle domande che possono venir fatte:

  • raccontami di un problema che hai dovuto affrontare: come hai deciso di agire? Che risultati hai raggiunto?

  • parlami di un rischio che hai dovuto prendere: se hai fallito, in che modo hai reagito e cosa ti ha insegnato questa esperienza?

  • quando hai dovuto guidare un progetto?

  • come hai saputo motivare un gruppo impegnato su un progetto seguito da te?

  • come hai saputo usare i dati per risolvere un problema?


Quest’ultima domanda tocca un punto fondamentale: Amazon è un’azienda che basa la propria attività sui dati, dare risposte con dati e numeri che la sostengano è sempre una buona idea.



Il metodo STAR

Anche per questo motivo Amazon suggerisce il “metodo STAR” per rispondere alle domande del colloquio, dove STAR significa:

  1. Situation (situazione): bisogna descrivere la situazione in cui ti trovavi e i compiti che dovevi svolgere, con dettagli sufficienti per consentire al selezionatore di comprenderla;

  2. Task (mansione): qual era il tuo obiettivo in quella situazione?

  3. Action (azione): come hai agito? Quali sono le misure che hai preso? Amazon precisa di parlare “di te”, spiegando bene cosa hai fatto per raggiungere l’obiettivo;

  4. Result (risultato): quali sono i risultati che hai ottenuto? Spiegali senza aver paura di prendere il merito di quello che hai ottenuto.