Torna a tutti gli articoli
Blog Img

Ingegnere dell'automazione: cosa fa e come trovare lavoro

Dall’automotive all’industria meccanica, dalla chimica alla sanità. L’automazione sta conquistando sempre più spazio nell’attività industriale e gli ingegneri in questo campo sono tra i più richiesti. Ecco quello che bisogna sapere su questa figura



L’automazione e la robotica stanno conquistando sempre più spazio nei processi industriali e non solo. Sono sempre di più infatti le attività che grazie al lavoro delle macchine possono aumentare velocità, sicurezza e precisione. Al centro di questo processo c’è l’ingegnere dell’automazione. Si tratta di una figura tecnica sempre più richiesta dalle aziende di vari settori industriali, perché è capace di mettere a punto, implementare e poi controllare sistemi sempre più complessi.


Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità

Cosa può fare un ingegnere dell’automazione?

Gli ingegneri dell’automazione si occupano di disegnare, progettare e controllare, anche in modo automatico, sistemi di automazione per macchine, processi, impianti, prodotti o servizi vari. Hanno quindi competenze molto variegate, che uniscono quelle più classiche dell’ingegneria tradizionale agli indirizzi più nuovi della tecnologia.

L’ingegnere dell’automazione quindi ha competenze in:

  • automatica;

  • meccanica;

  • informatica;

  • elettronica;

  • elettrotecnica.


In particolare grazie all’intervento dell’automazione industriale si possono svolgere in maniera più rapida e sicura:

  • azioni ripetitive, che in questo modo possono essere svolte in modo preciso, economico e senza le interruzioni necessarie all’azione dell’uomo, che a sua volta può così limitarsi a un controllo generale del processo;

  • azioni che richiedono precisione, potenza o velocità che non sono raggiungibili dall’uomo;

  • azioni in condizioni pericolose o proibitive.

I suoi compiti vanno dunque dalla progettazione dei sistemi all’individuazione dei componenti elettronici e meccanici che serviranno per realizzare l’impianto, fino alla realizzazione dei prototipi, dei modelli matematici e dei software di controllo.

Dopo che il sistema è stato messo a punto gli ingegneri dell’automazione si occupano anche del controllo e della correzione degli errori, analizzando i dati forniti dai sensori inseriti nell’impianto secondo le sue direttive.

Entrando più nello specifico, tra le competenze legate alla figura dell’ingegnere si possono indicare:

  • conoscenza dei sistemi di controllo;

  • conoscenza di piattaforme PLC, metodi di rilevazione dati, sistemi di controllo distribuiti;

  • strumenti di programmazione;

  • conoscenza dei principali linguaggi di programmazione informatica, come C e C++;

  • tecniche di modellazione e simulazione;

  • trattamento e gestione di dati analogici e digitali e loro integrazione;

  • sensoristica.


Dove possono lavorare i laureati in ingegneria dell’automazione?

I settori che richiedono ingegneri dell’automazione industriale sono molto vari, perché la tecnologia e la robotica stanno conquistando sempre più spazio nell’attività delle aziende. Settori di sbocco sono quindi sicuramente:

  • l’industria automobilistica;

  • l’industria meccanica e meccanica elettrica;

  • il settore elettronico ed elettrico;

  • l’industria chimica;

  • l’industria alimentare;

  • la farmaceutica;

  • la sanità;

  • il settore del packaging, cioè l’industria che produce macchine automatiche;

  • altri settori che stanno implementando sistemi di automazione come i trasporti, la logistica e le reti di servizi come quella idrica, elettrica e del gas.


Cerchi lavoro? Consulta le nostre opportunità


Come si diventa ingegnere dell’automazione?

Per diventare ingegnere dell’automazione bisogna fare studi di ingegneria, ovviamente, sia scegliendo tra i vari corsi specifici offerti da diversi atenei italiani, sia percorsi più tradizionali come ingegneria meccanica, ingegneria elettronica o ingegneria informatica.

Si può quindi scegliere una laurea triennale in una di queste ingegnerie e poi proseguire gli studi specializzandosi nell’automazione industriale. Ma si può anche scegliere fin dall’inizio corsi specifici per diventare ingegneri dell’automazione, che prevedono lo studio di tutte le materie connesse alla professione.

Esistono anche corsi di specializzazione in robotica che consentono all’ingegnere dell’automazione industriale di rimanere sempre al passo coi tempi, visto che le tecnologia in questo campo è in continua evoluzione.

Quanto guadagna un ingegnere dell’automazione?

La retribuzione cui può aspirare questa figura è generalmente più alta della media delle retribuzioni in Italia. Può andare dai 23-25.000 euro di un neo-laureato alla prima esperienza lavorativa fino agli oltre 50.000 euro di una figura senior, passando per una media che però si aggira attorno ai 35-38.000 euro l’anno.

Esistono però figure di particolare responsabilità ed esperienza, specie nell’industria più evoluta e nei grandi gruppi, che riescono a percepire stipendi anche più alti, fino a 90.000 euro annui